Internet –Addiction, GAP Droghe senza sostanza: quale l’impatto, quale la cura?

Parlare di Internet-Addiction e GAP significa super ordinare il concetto di dipendenza in senso stretto, svincolarsi dalla sostanza principale ed iniziare a parlare in termini più ampi, sia in senso epistemologico che clinico, di “Addiction”.

[…]

L’attenzione al tema dell’Addiction non indirizza la nostra attenzione solamente alle manifestazioni di disagio strettamente legate al fenomeno di dipendenza ma piuttosto ad un processo di costruzione dell’esperienza dove la persona “addicted”, attraverso la sua manifestazione comportamentale, rimane intrappolata all’interno di un disagio più profondo che spesso precede e condiziona il comportamento addittivo stesso

[…]

Il Gioco d’Azzardo Patologico rappresenta da sempre l’anello di congiunzione tra le dipendenze da sostanze, sulle quali la conoscenza scientifica ha raggiunto livelli di approfondimento elevatissimi e le nuove dipendenze senza sostanza, evoluzione attuale del fenomeno della dipendenza. Il Gioco d’Azzardo, con la velocità di espansione degli ultimi anni e la costante attualità delle sue implicazioni ha portato a riflessioni che via via hanno aperto la strada allo studio delle nuove dipendenze senza sostanza …Internet –Addiction, GAP. Droghe senza sostanza quale l’impatto, quale la cura

Consigli per genitori e conviventi

“Addiction” è un termine piuttosto recente e sfaccettato che potrebbe ben essere tradotto come una dipendenza da processo. Una dipendenza da processo è una condizione in cui una persona dipende per qualche forma di comportamento, come l’amore, il sesso, il gioco d’azzardo, lo shopping o altro ancora, ed è un termine generale per qualsiasi dipendenza comportamentale che non coinvolge per forza droghe o alcol.

L’attenzione al tema dell’Addiction non indirizza la nostra  attenzione solamente alle manifestazioni di disagio strettamente legate al fenomeno di dipendenza ma piuttosto ad un processo di costruzione dell’esperienza dove la persona “addicted”, attraverso la sua manifestazione comportamentale, rimane intrappolata all’interno di un disagio più profondo che spesso precede e condiziona il comportamento addittivo stesso. Il fenomeno di Addiction è in crescente espansione e spesso i primi sintomi della sua comparsa coinvolgono famiglie di adolescenti e/o di persone che accusano maggiormente le ripercussioni di cambiamenti storici e culturali di questo tempo come perdita di lavoro, precarietà dell’occupazione, assenza di certezze rispetto alla progettazione del proprio futuro.
Il tema della videodipendenza evoca riflessioni legate non solo ad una dipendenza dal video in senso stretto ma anche all’utilizzo delle nuove tecnologie, ormai parte integrante delle nostre vite.  E’ importante ricordare che di qualsiasi dipendenza si tratti stiamo sempre parlando di sofferenza e di tentativi di superarla, sedarla, negarla.

A partire dai cambiamenti epistemologici che il tema del Gioco d’azzardo Patologico ci ha costretti a intraprendere prima, e con l’avvento delle innumerevoli forme di nuove dipendenze in  seguito, ci troviamo di fronte forme di dipendenza […] Consigli per genitori e conviventi

DIPENDENZA DA GIOCO: GIOCATORI NOTI OFFRE INCONTRI DI PREVENZIONE AGLI ISTITUTI SUPERIORI DELLA CITTÀ DI PADOVA

Purtroppo non sono solo gli adulti a giocare. Il fenomeno del gioco sta coinvolgendo anche i minori, legittimato dalla pubblicità e agevolato da adulti compiacenti, con contorni e dimensioni sempre più preoccupanti.

“non sappiamo esattamente quanti siano i minori che giocano a Padova, ma dall’osservatorio di alcuni incontri svolti nelle scuole lo scorso anno emerge che il gioco d’azzardo è un fenomeno presente nella mente dei ragazzi. Molti non lo praticano attivamente, ma presentano tutte le false credenze che possono esporli al rischio di giocare in qualunque momento: sopravvalutazione delle probabilità di vincita, delle proprie capacità di governare il caso e la fortuna, l’esposizione alla pubblicità del gioco in ogni momento. I ragazzi che possono cadere nel problema del gioco non sono necessariamente più fragili o vulnerabili di altri, anzi: chiunque è a rischio. A volte sono i ragazzi stessi ad esserne consapevoli. Durante i nostri incontri infatti veniva spesso sottolineato il coinvolgimento in situazioni di gioco d’azzardo patologico da parte di persone a loro vicine, amici e familiari.”  dice Stefania Carpenzano, psicologa e psicoterapeuta del servizio Giocatori Noti.

Per affrontare il problema, genitori e insegnanti devono offrire informazioni e cercare di sensibilizzare i ragazzi rispetto al fenomeno, aiutandoli a comprendere i pericoli, anche molto gravi, della dipendenza, senza utilizzare toni proibizionistici e giudicanti.

Sarà poi necessario tenere sotto controllo il comportamento dei giovani più a rischio e, nelle situazione più critiche, avviare interventi terapeutici specifici (come, ad esempio, i percorsi di psicoterapia individuale).

Per aumentare il livello di sensibilizzazione al problema e promuovere una maggiore consapevolezza dei pericoli legati al gioco e dei meccanismi specifici del gioco d’azzardo, l’anno scorso gli psicologi di Poliambulatorio Arcella hanno ideato e svolto un primo intervento formativo pilota in un Istituto superiore di Padova.

Sei incontri, con 12 classi, di un’ora e mezza ciascuno. Non la classica lezione, ma un percorso di educazione alla prevenzione con veri e propri esperimenti per comprendere come la mente di chiunque possa essere facilmente coinvolta e fuorviata dal gioco d’azzardo.

 

Tutti i dati sul gioco d’azzardo in Italia. YearBook 2016 del CNCA

Il rapporto forse più completo sul gioco d’azzardo e sulla dipendenza da gioco in Italia. Il CNCA (Coordinamento Nazionale Comunità Accoglienza) ha raccolto dati, abitudini e fatturati del gioco per raccontarci una realtà incredibile:

  • 88 miliardi di euro spesi dalle famiglie italiane nel 2015 in gioco
  • il 55% della spesa in gioco è dedicata a slot machine e VLT
  • spendiamo in gioco più che in carne, frutta e verdura (60 miliardi circa)
  • la spesa per il gioco è 8 volte superiore a quella per la telefonia mobile (circa 11 miliardi)

D’accordo, ma quanto vinciamo? Vero che parte della spesa viene restituita in vincite, ma questo significa che una parte è automaticamente persa: è il margine per erario e industria del gioco. Quanto si perde automaticamente, giocando molto e per molto tempo, dipende dai giochi.

2016 Year Book Gioco azzardo statistiche